Nurse With Wound – Chance meeting on a dissecting table of a sewing machine and an umbrella

VOTO 7.5
Nel 1979, quando ancora pochissimi avevano idea di cosa fossero il noise-rock e l’industrial, i Nurse With Wound ci si gettarono a capofitto. John Stapleton, John Fothergill e Herman Pathak registrano un album in meno di 6 ore grazie ...

Nel 1979, quando ancora pochissimi avevano idea di cosa fossero il noise-rock e l’industrial, i Nurse With Wound ci si gettarono a capofitto. John Stapleton, John Fothergill e Herman Pathak registrano un album in meno di 6 ore grazie all’amicizia di un ingegnere del suono, Nick Rogers: il risultato è quella mostruosità (nel senso buono) conosciuta come Chance meeting on a dissecting table of a sewing machine and an umbrella.

Sono poche le cose che si sanno sulla genesi di quest’album, ma una è certa: la sperimentazione assoluta. La grande mente dietro il progetto Nurse With Wound è Stapleton, ed egli è sempre stato ispirato da una quantità piuttosto eterogenea di generi musicali. Ascoltando questo delirio musicale è facile comprendere come sia stato influenzato anche da una certa concezione Dada dell’arte.

Quando tutto diventa passibile d’essere artistico, ci si deve chiedere: cos’è l’arte? Un insieme di rumori senza alcuna apparente connessione logico-sinfonica può costituire un capolavoro artistico? I critici hanno definito la musica di Chance meeting on a dissecting table of a sewing machine and an umbrella industrial, drone o free improvisation, anche se di fatto nessuno può dire cosa stiamo ascoltando, se rumori o musica. Il Dadaismo ha portato l’arte visuale ai suoi estremi. I Nurse With Wound ci riportano a quello stesso limite. Se state cercando un senso a quest’album, siete partiti con il piede sbagliato: qui ci sono solo significati. E il significato più importante è proprio quello di farci capire che anche la musica ha dei confini.

Con questo primo, delirante lavoro, i Nurse With Wounds hanno estremizzato le sperimentazioni dei Throbbing Gristle. Chance meeting on a dissecting table of a sewing machine and an umbrella si colloca nel limine dell’arte, dove la musica si fa rumore e la casualità si fa intenzione. Tra genio e follia, un’opera che ha fatto la storia della musica sperimentale.

Luca Badaloni
L'autore

Classe 1991, nella Bottega di Hamlin ho trovato il modo di unire la passione per la musica, la lettura e il cinema. Dopo la formazione liceale ho iniziato l'Università di Filosofia presso Macerata, dove attualmente sto completando i miei studi specialistici in Scienze Filosofiche. Ho in passato collaborato con altri siti e redazioni. Collaboro anche con il sito in lingua inglese www.tasteofcinema.com